“Prima dei social media.

E subito dopo la piazza.

C’era e c’è ancora il bar.

Il vero luogo del dibattito nazionale.

Dove tutti sanno sempre tutto, si trasformano in commissari tecnici e dirigenti di partito.

E dove affiora e viene analizzata la pancia del paese.

Un paese bellissimo o invivibile.

Da cui andarsene o in cui restare a lottare?

E il dibattito continua.

Al bar, naturalmente.” 

L’Italia Vista Dal Bar, o meglio attraverso un caffè, è l’Italia che ogni giorni si alza, lavora (o cerca lavoro) e costruisce; non importa se con mattoni o cartapesta… è un’Italia colorata, in movimento, sarcastica e ironica come solo il Carnevale di Viareggio può rappresentarla con i suoi carri ma soprattutto con la sua gente che si adopera per mettere in scena ogni anno il grande spettacolo della vita.

Grazie alla Fondazione Carnevale Viareggio, il 2° brano presentato un anno fa a Sanremo è oggi un video: l’organizzazione ha permesso al regista Jacopo Rondinelli di accedere alla Cittadella – l’enorme laboratorio dove nascono e crescono i carri allegorici di Viareggio – per poterli filmare dall’ideazione, alla creazione fino alla “messa in strada”, e ai Perturbazione di sfilare a fianco di chi contribuisce attivamente alla realizzazione, di quella che è una delle manifestazioni più importanti d’Europa.