ANDREA MIRO'ANDREA MIRO'ANDREA MIRO'ANDREA MIRO'ANDREA MIRO'

Genere: Rock d’Autore
Ultimo Album: Nessuna paura di vivere (Mescal – 22 Aprile 2016)

 

 

 

BIOGRAFIA

Andrea Mirò è un’artista eclettica come pochissimi altri in Italia; è infatti polistrumentista, autrice, produttrice, cantante e direttore d’orchestra.

Andrea Mirò ha sette dischi all’attivo, pubblicati tra il 1991 e il 2012; il lavoro in studio e le esibizioni live si sono alternate a collaborazioni con Eugenio Finardi, Mango, Roberto Vecchioni, Ron, Enrico Ruggeri.  Grazie alla sua assoluta conoscenza della musica e alla sua competenza nel saperla plasmare negli ultimi anni più volte si è cimentata in un compito che al 90% è riservato esclusivamente al popolo maschile: ha diretto l’orchestra del Festival di Sanremo per Enrico Ruggeri, Nina Zilli, Andrea Nardinocchi, Zibba, Perturbazione; un rapporto con Sanremo costruito attraverso quattro partecipazioni – l’ultima delle quali con Enrico Ruggeri, presentando il brano Nessuno Tocchi Caino, seguita da una lunga collaborazione con l’omonima associazione – e consolidatosi anche come Presidente di giuria alle selezioni di SanremoLab nonché come Giurato di Qualità nell’edizione del 2015. Una lunga carriera attraverso l’arte, declinata non solo nell’ambito musicale pop/rock – come quando ha partecipato al concerto/evento benefico Amiche per l’Abruzzo in quel di San Siro – ma spesso e volentieri anche a teatro, come con La Belle Equipe – viaggio nella canzone d’autore francese, o ancora quando ha vestito i panni di Maddalena in Jesus Christ Superstar nell’allestimento del regista Massimo Piparo. È stata la voce narrante in scena nell’opera di musica contemporanea Three Mile Island del compositore internazionale Andrea Molino. Anche se il teatro è una grande passione, Andrea Mirò non disdegna il cinema; prova ne è che ha cantato sulle musiche originali del film Le Acrobate di Silvio Soldini come non indietreggia di fronte alle nuove sperimentazioni, donando il proprio talento al progetto multimediale Anatomia Femminile.

Nel 2014 parte in tour insieme ad Alberto Patrucco con lo spettacolo che porta il nome del disco realizzato in comune Segni (e) Particolari (tra musica e teatro attraverso le traduzioni di brani di Georges Brassens ); l’album entra nel sestetto dei candidati al Premio Tenco / Migliori Interpreti 2014 e il tour – protrattosi sino a Giugno 2015 – ha messo in scena l’ultima data a Parigi. Quello dell’essere spesso menzionata e più volte premiata dalla critica di settore, è una soddisfazione ricorrente che Andrea Mirò si è guadagnata portando ovunque la propria voglia di donare agli astanti momenti di grande emozione – corroborati da un impeccabile tecnica – sia dal palco del Festival Fondazione Gaber, che al Primo Maggio di Piazza San Giovanni, come dal Premio Sergio Endrigo e dal Premio Lunezia , dal Blue Note di Milano o dal Qube di Roma.

Gli ultimi mesi sono stati consacrati alla chiusura delle registrazioni per il nuovo disco d’inediti, prodotto da Manuele Fusaroli, che verrà pubblicato il 22 Aprile 2016;  agli arrangiamenti delle musiche per il monologo teatrale L’ultimo giorno di sole, scritto poco prima di morire dall’amico Giorgio Faletti e presentato in anteprima al Piccolo Teatro Grassi di Milano ad Aprile 2015, con la regia di Fausto Brizzi. Nuovamente in coppia con Alberto Patrucco in un primo giro di repliche dello spettacolo teatrale Degni di nota con la regia di Emilio Russo (presentato in anteprima a fine Luglio all’ Elfo Puccini) Andrea Mirò è tornata in scena dal 15 Dicembre 2015 al 1° Gennaio 2016 al Teatro Menotti a Milano.

Archiviata la parentesi teatrale, l’artista si è concentrata nella chiusura dei lavori riferiti al suo nuovo e ottavo album, intitolato Nessuna Paura Di Vivere, che Mescal pubblica Venerdì 22 Aprile anticipato dal singolo Deboli Di Cuore.